ABB Italia: le attrezzature interne si stampano in 3D

ABB Italia stampa in 3D attrezzature interne

Immaginate gli uffici deserti e i capannoni vuoti. È notte, e gli stabilimenti sembrano riposare, nella penombra. In una zona del complesso, però, c’è un ronzio sottile e costante.

Alcuni led tradiscono la presenza di qualcuno, anzi, di qualcosa che lavora, incessantemente, ottimizzando i tempi e trasformando le notti e i weekend in momenti produttivi.

È una stampante 3ntr intenta a realizzare importanti attrezzature per uso interno in ABB Italia.

Parliamo con il Printing & Digital Manufacturing Specialist

Il racconto dell’avvento in ABB Italia della stampa 3D firmata 3ntr è di Fabio Amidani, 3D Printing & Digital Manufacturing Specialist della divisione italiana del Gruppo ABB. ABB è leader mondiale nei campi dell’elettrificazione, della robotica, del motion e dell’automazione. Un gruppo all’avanguardia, nel quale, naturalmente, erano ben note le tecnologie di additive manufacturing:

«Utilizzavamo già stampanti 3D, – ci spiega Amidani – ma eravamo in cerca di soluzioni che potessero aiutarci nella riduzione dei tempi di realizzazione e dei relativi costi. È stato per questo che ci siamo messi a cercare alternative, fino all’incontro con le soluzioni proposte da 3ntr.».

La scelta di ABB Italia è ricaduta su una stampante 3D modello A2V4, impiegata per la realizzazione di attrezzature ad uso interno in ABS. Come materiale di supporto si è scelto il SSU00 che, come vedremo, si è rivelato al di sopra delle aspettative.

La stampante 3D, come abbiamo detto, è impiegata principalmente di notte o nei weekend, per sfruttare momenti che, altrimenti, sarebbero da considerarsi tempi morti. Questo contribuisce a rendere economicamente vantaggiosa la scelta di una stampante 3D 3ntr che, inoltre, risulta più veloce e meno onerosa per quanto concerne l’installazione e la configurazione, che sono davvero molto semplici.

Schermate di software per la stampa 3D

Attrezzature di supporto, da CATIA alla stampa 3D

«Con la A2V4 stampiamo in 3D attrezzature di supporto per il nostro laboratorio: si tratta di contenitori all’interno dei quali alloggiamo componentistica elettronica. – Spiega Amidani – Oltre a questo, realizziamo parti per enti e clienti, con i quali coordiniamo il progetto, prima di procedere con la moderazione CAD (con software CATIA) dei componenti richiesti. Quindi sviluppiamo lo slicing e andiamo in produzione sulla stampante 3D.».

La natura dei progetti interni ed esterni, ha spiegato Amidani, rende prioritario poter contare su materiali stabili, come quelli proposti da 3ntr, che risultano solidi, resistenti all’usura del tempo, e molto performanti dal punto di vista della affidabilità geometrica. Quest’ultimo aspetto, in particolare, risulta centrale nel momento in cui i progetti, realizzati con un software performante come CATIA, devono essere tradotti in componenti fisici, riducendo al minimo le deformazioni e le divergenze dall’oggetto digitale.

Risultato stampa 3D 3ntr per ABB

ABB: Quattro business area per trasformare la società

A questo punto, però, crediamo sia importante dedicare un pò di spazio ad ABB perché, solo comprendendo la grandezza di questo gruppo si può comprendere, di riflesso, la versatilità della stampa 3D e la molteplicità di applicazioni che questa tecnologia rende possibili.

ABB (ABBN: SIX Swiss Ex) è una società tecnologica leader a livello globale nei campi dell’elettrificazione, della robotica, dell’automazione e del motion. La sua storia è iniziata oltre 130 anni fa e, oggi, il gruppo conta 105.000 dipendenti, in oltre 100 paesi.

Le quattro business area nella quale opera sono:

  • Electrification
  • Process Automation
  • Motion
  • Robotics & Discrete Automation

3ntr. Tre dimensioni, tanti vantaggi.

Dunque, l’installazione di una stampante 3D come la A2V4 comporta, generalmente, una riduzione di tempi e costi di produzione. Però i vantaggi non si limitano a questo:

«Abbiamo riscontrato che, grazie l’uso di SSU00 come materiale di supporto, il processo di rimozione dei componenti è molto semplice. Inoltre, il pezzo non si danneggia e risulta già ben rifinito e privo di imperfezioni. – Amidani aggiunge – Proprio l’ottima qualità di stampa garantita dalle macchine 3ntr ci ha colpiti, insieme alle prestazioni dei materiali: solidi e resistenti all’usura e al tempo, non presentano grandi deformità né imprecisioni dovute al processo di stampa, garantendo un’ottima affidabilità geometrica nel passaggio dal progetto in CATIA all’oggetto fisico.».

Stampanti 3D e polimeri 3ntr

Per conoscere meglio le macchine e i materiali dei quali abbiamo scritto in questo articolo, vi invitiamo a visitare le sezioni del nostro sito dedicate alle stampanti 3D e polimeri impiegati nell’additive manufacturing. E se la storia della A2V4 di ABB Italia vi è piaciuta, non perdetevi le altre case history che potete trovare nel nostro blog.

Un giorno, questa storia, potrebbe essere la tua storia. Contattaci per scoprire le nostre soluzioni professionali per la Stampa 3D. Con l’aiuto dei nostri consulenti troveremo nuove soluzioni per la tua progettazione e produzione.

Dai nuova forza alla tua azienda, con le stampanti 3D 3ntr.

Contattaci ora